TEMPESTA AD USTICA

leggenda-di-kabar

TEMPESTA AD USTICA

L’eco di un canto
stregato
nell’urlo di rabbia
del vento,
fra le selvagge
rupi .

Il mare,
spento ha il suo azzurro
in liquido acciaio
e c’√® agguato di morte
nell’orrido squarcio
schiumante
dell’onda convulsa.

Ascende
dagli impietosi abissi
l’ultimo respiro
degli annegati ;
geme fra le spumose
creste
e poi stanco s’infrange
con l’impeto dell’onda
contro le flaggellate
coste
e fra gli anfratti,
come sommesso pianto.

Contatti

Email : info@ginomerighi.it